Urografia Napoli

Urografia

1 gg

48 ore

€ 36,15

€ 0/5/10

CONV.


Domande Frequenti

Che cos' e’? | Perche’ si fa? | Prima dell'esame | Come si svolge | Dopo l'Esame | Quando non si puo' fare

PREPARAZIONE PER ESEGUIRE ESAME UROGRAFICO

1)Per 3 giorni antecedenti l’esame a pranzo ed a cena rispettare la seguente dieta:
• brodino con pasta piccola o pastina, fettina di carne arrostita o pesce
• bere durante la giornata 2-3 litri di acqua semplice
VIETATI I SEGUENTI ALIMENTI:
PANE, VERDURA, FRITTURA, BEVANDE GASATE
Bere durante la giornata 2-3 litri di acqua semplice, 1 bicchiere ogni ora.
2) Per 3 giorni antecedenti l’esame assumere 1 compressa di MILICON 3 volte al giorno.
3) Il giorno prima dell’esame assumere 1 confezione monodose di magnesio S. Pellegrino alle ore 13.30.
RISPETTARE IL DIGIUNO ASSOLUTO DA ALMENO 6 ORE PRIMA DELL’ESECUZIONE DELL’ESAME
ESAMI DA ESIBIRE PER ESEGUIRE IL CONTRASTO:
- AZOTEMIA
- GLICEMIA
- CREATININEMIA
- ECG
LA VALIDITA’ DEGLI ESAMI E’ DI 60 GIORNI

- Stampa il documento sulla lista esami da esibire per l'esame Urografico


UROGRAFIA Napoli

Che cos' e’?

L'urografia e’ l'indagine radiologica dell'apparato urinario, eseguita mediante opacizzazione dei reni e delle vie escretrici grazie alla somministrazione di un mezzo di contrasto radiopaco che viene eliminato attraverso l'urina.
I reni e le vie urinarie sono infatti poco visibili sui radiogrammi dell'addome eseguiti con tecnica standard, poiche’ la loro densita’ radiografica e’ scarsa e non e’ differente da quella dei visceri adiacenti. Solo i calcoli calcificati sono apprezzabili, e non sempre, con le radiografie senza mezzo di contrasto.

Il preparato contrastografico che si utilizza in urografia appartiene alla categoria dei mezzi di contrasto iodati. Esso viene iniettato per via endovenosa al momento dell'esame e quindi viene formulato in una preparazione biocompatibile, sterile e iniettabile.

Nei reni, il preparato iodato viene filtrato dai glomeruli ed e’ eliminato attraverso l'urina, che ne risulta quindi opacizzata: questo effetto perdura per circa 30 minuti in condizioni normali di tecnica e di funzionalita’, e si estingue con la minzione dell'urina opaca al termine dell'esame.

Poiche’ l'opacizzazione di reni e vie escretrici (bacinetti, ureteri, vescica, uretra) avviene secondo la successione fisiologica della formazione e dell'eliminazione dell'urina, anche l'urografia si svolge con una sequenza di fasi ciascuna dotata di un proprio significato diagnostico.

Inizialmente (primi 5 min dall'iniezione) il mezzo di contrasto opacizza il parenchima renale durante il suo passaggio nella rete vascolare e durante la sua filtrazione glomerulare: e’ questa la fase nefrografica o parenchimografica.

Dopo i primi minuti e soprattutto successivamente si ha opacizzazione dell'urina e quindi delle cavita’ che la contengono (calici, bacinetto, ureteri): fase urografica. L'urina radiopaca scende attraverso gli ureteri e si raccoglie in vescica, determinandone l'opacizzazione: fase cistografica.

Infine, l'indagine puo’ venire completata con lo studio dell'uretra mediante osservazione del transito urinario durante la minzione (fase uretrografica) e con ripresa di radiogrammi al termine della minzione, per controllare l'efficacia dello svuotamento della vescica (fase post-minzionale).

L'urografia fornisce quindi informazioni diagnostiche non soltanto morfologiche sui reni e sulle vie urinarie ma anche funzionali, evidenziando una mancata o ritardata eliminazione del contrasto da uno o da entrambi i reni o un incompleto svuotamento della vescica.

Perche’ si fa?

L'urografia consente di visualizzare in maniera dettagliata la morfologia delle vie escretrici urinarie e di valutare l'integrita’ e la funzionalita’ del parenchima renale: non permette invece, a differenza dell'ecografia e della TC, di differenziare la struttura interna, corticale e midollare, del parenchima e non consente di stabilire il contenuto di un'alterazione.

Essa consente di riconoscere i calcoli, anche se concrezioni litiasiche di piccole dimensioni possono risultare mascherate dall'opacita’ del mezzo di contrasto contenuto nelle cavita’ escretrici: per questo e’ fondamentale eseguire, prima dell'iniezione del contrasto, un radiogramma standard di base.

L'urografia e’ un esame importante e complesso, che richiede la valutazione diretta dello specialista radiologo, comporta somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto ed espone il paziente alle radiazioni ionizzanti, interessando organi particolarmente radiosensibili come il midollo osseo delle ali iliache e le gonadi, soprattutto nel sesso femminile.

Per questo motivo, vista la disponibilita’ di altre tecniche diagnostiche altrettanto utili per la visualizzazione dei reni e della vescica e non irradianti, come l'ecografia, l'urografia si utilizza quale esame di seconda scelta per approfondire i casi lasciati dubbi dall'indagine ecografica e per studiare gli ureteri, che sono scarsamente evidenziati dall'ecografia.

Prima dell'esame

Per migliorare la visibilita’ dei reni e degli ureteri e’ opportuno eseguire prima dell'esame una preparazione intestinale con dieta povera di scorie e pulizia dell'intestino distale tramite clistere. L'indagine urografica non puo’ essere effettuata in maniera corretta nei primi giorni successivi ad un esame contrastografico del tubo digerente o ad un clisma opaco, per la sovrapposizione del contrasto baritato residuo.

E' ovviamente indispensabile, trattandosi di un esame che impiega mezzi di contrasto iodati per via endovenosa, eseguire preventivamente le indagini di laboratorio eventualmente ritenute necessarie per individuare i soggetti a rischio di sviluppare reazioni anafilattiche ai preparati iodati.

Come si svolge

L'esame non e’ doloroso ne’ fastidioso, a parte la necessita’ di sottoporsi all'iniezione endovenosa del mezzo di contrasto e di osservare le prescrizioni per la preparazione intestinale.

Il paziente viene posizionato su l'apparecchio radiografico in posizione sdraiata; nel corso dell'esame puo’ essere necessario, a giudizio dello specialista, eseguire degli spostamenti o mettersi in piedi: in alcuni casi puo’ venire eseguita una modica compressione dell'addome con un cuscino.

Durante le riprese dei diversi radiogrammi, che richiedono pochi secondi, il paziente e’ invitato a mantenere l'immobilita’. Al termine, il paziente e’ invitato ad accomodarsi in bagno e a urinare; successivamente vengono eseguite una o piu’ radiografie post-minzionali sulla vescica.

In alcuni casi particolari, e in genere su richiesta del curante, la minzione al termine dall'esame puo’ essere effettuata in sala radiografica e sotto controllo radioscopico (uretrografia minzionale): il passaggio dell'urina opaca attraverso l'uretra e la conformazione del pavimento vescicale durante lo stimolo e la minzione vengono registrati sulle radiografie riprese in queste fasi.

Dopo l'esame

Non vi e’ alcuna prescrizione o precauzione da osservare dopo l'esame.

Quando non si puo’ fare

L'urografia non conosce particolari limitazioni, a parte la gravidanza iniziale, controindicazione comune a tutti gli esami radiologici, e a parte le note precauzioni legate all'impiego dei mezzi di contrasto iodati per via endovenosa.

L'esame ha una durata compresa fra circa 30 e 45 minuti, durante i quali il paziente deve restare immobile quasi completamente sul lettino radiografico, il piu’ spesso con una incannulazione venosa per l'infusione del mezzo di contrasto e di liquidi.

Questa indagine puo’ quindi riuscire difficoltosa nei soggetti intolleranti o incapaci mantenere l'immobilita’.