TAC Napoli

   
 


VISUALIZZA LA LISTA COMPLETA DEGLI ESAMI TAC.

Domande Frequenti

Chi puo' fare la TAC? | Come ci si prepara all'esame ? | Cosa fare prima dell'esame ? | L'esame | Cosa si sente ? | Quanto dura l'esame ? | Tempi di Attesa

TAC Napoli

In radiologia, la tomografia computerizzata, indicata con l’acronimo TAC, e’ una metodica diagnostica per immagini, che sfrutta radiazioni ionizzanti (raggi X) e consente di riprodurre sezioni (tomografia) corporee del paziente ed elaborazioni tridimensionali.Per la produzione di immagini e’ necessario l’intervento di un elaboratore di dati computerizzato.

METODICA TAC Napoli

E’ nota anche come tomografia assiale computerizzata o TAC. Nelle TAC l’acquisizione avviene in sequenza: il lettino si sposta, si ferma, avviene l’acquisizione di un numero di strati corrispondenti al numero di barrette, di sensori e cosi’ via. Nelle TAC di nuova generazione, di cui il Centro Aktis dispone, oltre a questa possibilita’ esiste un’acquisizione detta a spirale, dove il lettino e’ in continuo movimento.

L’immagine del corpo da studiare viene creata misurando l’attenuazione di un fascio di raggi X che attraversa tale corpo. Questa varia in modo proporzionale alla densita’ elettronica dei tessuti attraversati, cioe’ alla distribuzione spaziale degli elettroni nello strato corporeo in esame.

Poiche’ le immagini prodotte sono di tipo digitale, il corpo studiato viene suddiviso in una serie discreta di elementi di volume (voxel), ai quali corrisponde un elemento unico d'immagine (pixel), seguente la scala dei grigi.

Quanto piu’ piccolo e’ il volume rappresentato da un singolo pixel, tanto maggiore e’ la risoluzione spaziale. L'attenuazione e’ direttamente proporzionale alla densita’ elettronica dei tessuti presenti nel voxel: il suo valore e’ detto "densitometrico". Un voxel con alta densita’ viene rappresentato con una gradazione di grigio piu’ chiara. La metodica TAC consente risultati migliori della radiologia tradizionale, per quanto riguarda la differenziazione dei tessuti molli. La dose di radiazioni ionizzante fornita al paziente e’ molto piu’ elevata rispetto a una radiografia tradizionale, tanto piu’ nel caso dei tomografi multistrato, pertanto si dovrebbe ragionevolmente ricorrere alla TAC solo se strettamente necessario, soprattutto se i tessuti irradiati sono in accrescimento (per es. nei bambini).

Lo studio TAC puo’ essere migliorato dall'infusione dimezzo di contrasto endovenoso organo-iodato, che consente una migliore differenziazione di strutture con densita’ simile, o della stessa struttura in tempi diversi, programmabili attraverso un iniettore a flusso variabile.

TOMOGRAFO COMPUTERIZZATONapoli

L'emettitore del fascio di raggi X ruota attorno al paziente ed il rivelatore, al lato opposto, raccoglie l'immagine di una sezione del paziente; il lettino del paziente scorre in modo molto preciso e determinabile all'interno di un tunnel di scansione, presentando a ogni giro una sezione diversa del corpo. Le sequenze di immagini, assieme alle informazioni dell'angolo di ripresa, sono elaborate da un computer, che presenta il risultato sul monitor.

Tale risultato e’ costituito da una serie di sezioni non necessariamente contigue di spessore preimpostato: l'insieme delle sezioni ricostruite costituisce i dati inerenti il volume di scansione che possono essere ricostruiti da un software di rendering tridimensionale per produrre immagini tomografiche di qualsiasi piano spaziale (frontale, sagittale, assiale) o, in alternativa, per ottenere immagini tridimensionali o endoscopiche.

Per ottenere le immagini tomografiche del paziente a partire dai dati "grezzi" della scansione (RAW Data), il computer dedicato alla ricostruzione impiega complessi algoritmi matematici di ricostruzione dell'immagine. I processi piu’ importanti per ottenere le immagini dai dati grezzi sono la convoluzione e la retroproiezione o backprojection.

Le immagini di partenza di tutte le sezioni vengono normalmente registrate su un sistema di archiviazione (PACS) e le sezioni piu’ importanti vengono talvolta stampate su pellicola. Il rivelatore ad alta efficienza e’ normalmente costituito da cesio ioduro, calcio fluoruro, cadmio tungstato.

Il tomografo di prima generazione si basava sull'emissione di un fascio lineare di raggi X emesso da un tubo radiogeno in movimento di traslazione e di rotazione e rilevato da un detettore solidale nel movimento. Il tempo di esecuzione dello studio era dell'ordine dei minuti.

Nel tomografo di seconda generazione il fascio di raggi X ha una geometria a ventaglio di 20-30º connesso con un gruppo di 20-30 detettori: il tempo di esecuzione era ridotto a decine di secondi.

I tomografi di terza generazione impiegano un fascio di raggi X a ventaglio di 30-50º che possono comprendere tutta la sezione corporea in esame, attraverso centinaia di detettori contrapposti, che compiono una rotazione completa attorno al paziente in 1-4 secondi.

Nei primi modelli, ad una rotazione ne seguiva un'altra nel senso inverso, in modo che i cavi di alimentazione ritornassero nella posizione di partenza, senza attorcigliarsi. Tale metodica obbligava all'acquisizione di un solo strato per volta.

I tomografi di quarta generazione presentavano sensori fissi e sono stati abbandonati. I tomografi moderni derivano da quelli di terza generazione ma hanno una caratteristica fondamentale, quella di acquisire a spirale: nei tomografi a rotazione continua unidirezionale infatti il tubo radiogeno e i detettori sono montati su un anello rotante che si alimenta a "contatti striscianti", senza piu’ il problema dei cavi che si attorcigliano.

Questa metodica consente l'acquisizione delle immagini in modo continuo: mentre il tavolo che porta il paziente si muove su un piano di scorrimento, i piani di scansione descrivono un'elica attorno al paziente, ottenendo una scansione a "spirale".

I tomografi spiroidei piu’ comuni compiono una rotazione in piu’ o meno un secondo e consentono un'acquisizione completa di un volume corporeo in 40 secondi - un minuto: questa avviene in un'unica apnea, riducendo gli artefatti di movimento del paziente. I moderni tomografi multistrato possono impiegare anche solo pochi secondi, ottenendo decine di scansioni per ogni singola rotazione. Tomografi superveloci possono consentire lo studio del cuore.

CHI PUO’ FARE LA TAC ?

TUTTI POSSONO FARE LA TAC, TRANNE LE DONNE IN GRAVIDANZA Le donne che sono in stato di gravidanza o presunto tale, devono avvertire tempestivamente il personale tecnico poiche’ tranne in condizioni particolari d’urgenza l’esame non puo’ essere eseguito.

COME CI SI PREPARA ALL’ESAME ?

Per effettuare la TAC al Centro Aktis di Marano di Napoli, e’ indispensabile portare in visione gli eventuali esami precedenti del distretto anatomico da indagare ( TAC, RMN, scintigrafie, radiografie), richiesta medica ed eventualmente anche specialistica.

Se dovete eseguire un esame senza mezzo di contrasto, non e’ richiesta alcuna preparazione mentre se e’ richiesto con il mezzo di contrasto dovete venire a digiuno da 6 ore, portare gli esami del sangue che vi sono stati segnalati sullo stampato al momento della prenotazione e il foglio letto e firmato per il consenso all’esecuzione del mezzo di contrasto.

COSA FARE PRIMA DELL’ESAME ?

Prima di iniziare l’esame TAC al Centro Aktis di Marano di Napoli, bisogna togliere gli oggetti metallici posti in vicinanza con la parte del corpo che dobbiamo studiare, poiche’ produrrebbero difetti nelle immagini .

Per lo studio della testa o del rachide cervicale quindi toglierete catenine, orecchini, protesi acustiche.

Se siete accompagnati potete lasciare tutto ai vostri accompagnatori altrimenti depositerete i vostri oggetti personali nello spogliatoio. Per alcuni tipi di esami (rocche petrose, massiccio facciale, orbite) vi verra’ chiesto anche di togliere eventuali protesi dentarie mobili, mentre per esami della colonna dorsale o lombare dovrete togliere il bustino ed eventualmente il reggiseno.

Quando verrete chiamati consegnate al personale gli esami precedenti, la documentazione clinica in possesso, gli eventuali esami del sangue ed eventualmente il consenso informato firmato. Ricordatevi di segnalare se siete a conoscenza di alcune vostre allergie.

L’ESAME

La macchina ha la forma di una grande lavatrice completamente aperta dove all’interno scorre il lettino mobile.

Solitamente l’esecuzione di questo esame non provoca disagio neanche ai pazienti claustrofobici, in quanto gli spazi sono molto ampi. Ricordate comunque che non sarete lasciati mai soli, dal locale consolle vi vediamo costantemente sia dalla parete di vetro che da una videocamera a circuito chiuso.

Verrete fatti sdraiare supini sul lettino mobile apposito con la testa in un confortevole poggiatesta nel caso di esame alla testa o della colonna cervicale. Se dovete fare l’esame alle rocche , orbite, massiccio facciale l’esame e’ composto di due parti . Nella prima la testa e’ in posizione comoda nel poggiatesta, invece nella seconda la testa sara’ iperestesa (girata all’indietro).

Nel caso di TAC dorsale o lombare non sara’ presente il poggiatesta e le braccia saranno raccolte sopra la testa. Dopo che sarete posizionati dal tecnico vi raccomandiamo, per ottenere immagini di buona qualita’, di rimanere fermi immobili per tutta la durata dell’esame.

COSA SI SENTE ?

L’esame e’ totalmente indolore, sentirete solo un rumore molto leggero derivante dal funzionamento dell’apparecchiatura e la percezione del movimento del lettino.

Se il vostro esame e’ richiesto con il mezzo di contrasto, dopo aver eseguito una prima parte vi verra’ iniettato per via endovenosa il farmaco per poi proseguire con la seconda parte. L’iniezione del contrasto potrebbe farvi avvertire una sensazione di calore. Vi raccomandiamo di rimanere fermi immobili anche durante l’iniezione al fine di rendere confrontabili le due parti dell’esame.

QUANTO DURA L’ESAME ?

La durata dell’esame e’ in media 15-20 minuti ma questo tempo varia a seconda delle parti del corpo da esaminare, della patologia da studiare e dalla necessita’ di iniettare il mezzo di contrasto.


Lista Completa degli esami TAC:

- TAC addome superiore
- TAC addome superiore con M.D.C.
- TAC addome e pelvi con M.D.C.
- TAC articolazione
- TAC torace
- TAC torace con M.D.C.
- TAC addome e pelvi
- TAC bacino
- TAC ginocchio destro
- TAC ginocchio sinistro
- TAC mediastino
- TAC pelvica
- TAC pelvica con M.D.C.
- TAC articolazione con M.D.C.
- TAC torace con M.D.C.
- TAC cranio,torace,addome e pelvica M.D.C.
- TAC renale
- TAC renale con M.D.C.
- TAC torace H.R. con M.D.C.
- TAC cranio,collo,torace,addome,pelvica M.D.C.
- TAC spalla destra
- TAC spalla sinistra
- TAC gomito destro
- TAC gomito sinistro
- TAC avambraccio destro
- TAC avambraccio sinistro
- TAC polso destro
- TAC polso sinistro
- TAC mano destra 
- TAC mano sinistra
- TAC braccio destro
- TAC braccio sinistro
- TAC femore destro
- TAC femore sinistro
- TAC collo piede dx
- TAC collo piede sn
- TAC gamba destra 
- TAC gamba sinistra
- TAC sterno
- TAC torace,addome,pelvi con M.D.C.
- TAC vaginale
- TAC emitorace
- TAC pelvica con M.D.C.
- TAC addome superiore con M.D.C.
- TAC addome completo
- TAC scapola dx
- TAC scapola sn
- Angio TAC torace senza M.D.C.
- Angio TAC addome e pelvi con M.D.C.
- Angio TAC addome superiore M.D.C.
- Angio TAC aorta M.D.C.
- Angio TAC arto inferiore
- Angio TAC torace con M.D.C.
- Angio TAC torace,addome e pelvi con M.D.C.
- TAC omero dx
- TAC omero sn
- TAC torace alta risoluzione
- Angio TAC arterie renali M.D.C.
- Angio TAC arco aortico M.D.C.
- TAC piede dx
- TAC piede sn
- TAC base cranica
- TAC cerebrale
- TAC rachide cervicale
- TAC rachide dorsale
- TAC collo
- TAC rachide lombo-sacrale
- TAC massiccio facciale
- TAC rinofaringe
- TAC cranio con M.D.C.
- TAC massiccio facciale M.D.C.
- TAC collo con M.D.C.
- TAC cervicale con M.D.C.
- TAC dorsale con M.D.C.
- TAC A.T.M.
- TAC dental scan
- TAC sacro coccige
- TAC seni paranasali
- TAC mandibolare
- TAC lombosacrale con M.D.C.
- TAC orecchio/rocche petrose con M.D.C.
- TAC parotidi/ghiandole salivari
- TAC splancnocranio con M.D.C.
- Angio TAC collo con M.D.C.
- Angio TAC cranio con M.D.C.
- TAC cavo orale M.D.C.
- TAC faringe M.D.C.
- TAC addome sup.trifasica con M.D.C.
- TAC collo,torace,addome e pelvi con M.D.C.
- TAC addome e pelvi con M.D.C. trifasica
- Uro-TAC
- TAC clavicola dx
- TAC clavicola sn
- TAC regione glutea
- TAC inguine
- TAC ghiandole salivari M.D.C.
- TAC laringe con M.D.C.