Convenzione Quote Fisse Ricette

Si comunica alla gentile Utenza che:

La Regione Campania, con Decreto Commissariale n. 53 del 27/09/2010, avente per oggetto le misure di compartecipazione alla spesa per assistenza specialistica, ha valutato la necessita’ di conseguire gli obiettivi di razionalizzazione e contenimento dei costi , adottando misure di controllo piu’ incisive della spesa per assistenza specialistica, nonche’ di intervenire attraverso una misura straordinaria che consiste nell’introdurre una quota fissa sulle ricette del SSN per le prestazioni di assistenza specialistica improntata ai principi di:

• Generalita’, per poter ricomprendere tutti gli utenti e tutte le prestazioni sanitarie

• Tutela delle fasce deboli

• Temporaneita’ delle misure

Ed ha ritenuto di introdurre le seguenti misure straordinarie di partecipazione alla spesa sanitaria:

• con decorrenza dal 01/10/2010 fino al 31/12/2010, per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, gli assistiti non esentati dalla quota di partecipazione al costo sono tenuti al pagamento di una quota aggiuntiva fissa sulla ricetta pari a € 10,00, anche se cio’ dovesse comportare il superamento dell’importo massimo previsto dalle misure di compartecipazione vigenti;

• i pazienti esenti secondo la normativa vigente sono tenuti al pagamento della quota fissa di € 5 a ricetta. Da tale quota sono escluse le seguenti categorie:

1 Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico

2 Titolari di assegno (ex pensione) sociale e loro familiari a carico (art.8 comma 16 legge 437/93 e s.m.e.i.)

3 Titolari di pensioni al minimo di eta’ superiore a sessant’anni e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico

4 Soggetti appartenenti ad un nucleo familiare con reddito ISEE non superiore a euro 10.000

• di ribadire la disposizione di cui all’ art. 1,comma 796, lett. r) della legge finanziaria 2007, secondo cui “i cittadini, anche se esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria, che non abbiano ritirato i risultati di visite o esami diagnostici e di laboratorio sono tenuti al pagamento per intero della prestazione usufruita”;

• le nuove misure di compartecipazione si applicano a tutte le prestazioni non ancora erogate alla data del 01/10/2010, ivi comprese le prestazioni prenotate in data anteriore alla data di entrata in vigore del presente provvedimento;

• i rappresentanti legali delle aziende sanitarie vigileranno sull’attuazione della normativa nazionale vigente e individueranno forme di pagamento delle compartecipazioni improntate alla massima efficienza e alla riduzione del disagio per gli utenti.

Si comunica alla gentile Utenza che con la trasmissione del decreto n. 64 del 4/11/2010 della Regione Campania , avente per oggetto “Misure di compartecipazione alla spesa per l’assistenza termale, farmaceutica e specialistica – Rettifica dei decreti commissariali n. 50, 51 e 53 del 27/09/2010”, si intende integrare e modificare i precedenti.

La Regione Campania ha cosi’ decretato:

• di integrare le seguenti categorie di esenti dal pagamento della quota fissa:

1) Prestazione a favore di detenuti ed internati (ex art. 1, comma 6, D.Lgs. 22.6.1999 n. 230)
2)Invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 1° alla 5° titolari di pensione diretta vitalizia e deportati in campo di sterminio ( ex art. 6 comma 1 lett. a del D.M. 01.02.1991)
3) Invalidi di guerra appartenenti appartenenti alle categorie dalla 6° alla 8° (ex. art. 6 comma 2 lett. a del D.M. 01.01.1991)
4)Vittime del terrorismo e della criminalita’ organizzata (ex art. 15 L. n. 302/90; art. 5 comma 6 del D. Lgs. 124/1998); vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice con invalidita’ < 80% e loro familiari (ex art. 9 della l. 206/2004), vittime del dovere e familiari superstiti (ex dPR 7 luglio 2006, n. 243)
5) Vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice con invalidita’ > 80% (art. 4, legge 3.8.2004, n. 206)

• di integrare le seguenti categorie di portatori di patologie gravi, che impongono il ricorso a ripetute prestazioni di natura sanitaria, nelle categorie di esenti dal pagamento della quota fissa:

1) Patologie croniche – (023) Insufficienza renale cronica – necessita’ di trattamento dialitico extraperitoneale; necessita’ di trattamento extracorporeo; prestazioni correlate.
2) Terapia del dolore severo - TDL - 01

• Di disporre che le presenti interazioni decorrono dal 1/11/2010

Scarica i decreti commissariali