Ecografia Mammaria Napoli

ECOGRAFIA MAMMARIA Napoli

Il Centro Aktis di Marano di Napoli effettua l’ecotomografia, un indagine diagnostica che non utilizza radiazioni ionizzanti (i raggi x) ma ultrasuoni.

In campo senologico l’ecotomografia e’ un esame di fondamentale importanza per la diagnosi e la caratterizzazione di una buona parte della patologia nodulare mammaria. Inoltre l'ecotomografia consente di guidare con grande precisione le procedure interventistiche (agobiopsia mammaria, svuotamento cisti, posizionamento reperi).

Proprio a motivo della sua importanza, l’ecotomografia va sempre eseguita correttamente, con apparecchiature adeguate e con precise indicazioni.

COME SI ESEGUE:

L’indagine viene eseguita utilizzando un’apparecchiatura dedicata, l’ecotomografo.

La paziente si dispone in posizione supina su un lettino da visita, con il torace scoperto. Il medico che esegue l’esame versa sulla parte da esaminare una piccola quantita’ di gel acquoso, che ha lo scopo di favorire il passaggio degli ultrasuoni dalla sonda utilizzata per l’esame alla mammella.

La sonda ecotomografica viene fatta scorrere sul seno; l’immagine che si ottiene viene visualizzata in tempo reale sul monitor dell’ecografo.

Nel corso dell’indagine vengono acquisite alcune immagini che hanno lo scopo di documentare l’avvenuta effettuazione dell’esame e l’eventuale presenza di reperti significativi. L’ecografia mammaria e’ un’indagine che fa sempre parte integrante di un iter di diagnostica senologica.

L’indagine deve essere sempre preceduta da una accurata anamnesi e dalla visione di eventuali precedenti (mammografia od ecotomografia).

In molti casi questa metodica e’ complementare alla mammografia, (linkabile alla pagina corrispondente) anch’essa effettuata al Centro Aktis di Marano di Napoli. Infatti l’ecografia ha una sensibilita’ inferiore ed una specificita’ maggiore della mammografia; questo significa che consente una buona tipizzazione di una lesione ma, soprattutto se la lesione e’ di piccole dimensioni, non sempre riesce a rilevarla. Al contrario, la mammografia e’ in grado di evidenziare un maggior numero di lesioni, ma non sempre e’ in grado di caratterizzarle.

Nella donna giovane, di eta’ inferiore ai 30 anni, l’ecografia viene eseguita come indagine di prima scelta, qualora ci si trovi di fronte alla presenza di un nodo palpabile; se le caratteristiche ultrasonografiche della lesione riscontrata sono sospette, lo studio viene completato da una mammografia ed eventualmente da un’agobiopsia.

Nella donna di eta’ superiore ai 30 anni, in caso di nodo palpabile, e’ comunque consigliabile far precedere l’ecografia da una mammografia, in considerazione dell’aumentato rischio, in questa fascia di eta’, di carcinoma mammario.

E’ opportuno, inoltre, eseguire l’ecografia in tutte le pazienti, anche asintomatiche, come completamento diagnostico di una mammografia in cui sia stata evidenziata una lesione o comunque un’alterazione della struttura ghiandolare.

L’indagine ecotomografia, effettuata dal Centro Aktis di Marano di Napoli, rappresenta un metodica di prima scelta anche per la rivalutazione delle dimensioni di un tumore dopo chemioterapia neoadiuvante, e per confermare la diagnosi e valutare l’evoluzione di una flogosi o di un’alterazione post-traumatica.

L’ecografia rappresenta, inoltre, una guida per il prelievo bioptico e per il posizionamento di reperi per la localizzazione preoperatoria di lesioni non palpabili.